La cassazione dice che le convocazioni vanno inviate anche ai comproprietari, ma dipende dagli accordi che ci sono con i condomini in questo senso.

In pratica ci si regola esattamente come fatto finora per l'invio di raccomandate, ma con un canale diverso.